In questo numero de “La Zuncheiia” parlerò del sistema operativo nuovo di zecca della Microsoft: Windows 7. Queste sono constatazioni sul campo realizzate da me. Prima cosa importante da sapere è che non si può fare l’aggiornamento da Windows Xp a Windows 7 (per me una pecca poiché ancora milioni di utenti usano Windows Xp), ma per fortuna lo si può fare con Windows Vista (il sistema operativo peggiore di tutti i tempi, come ammesso dalla stessa Microsoft) avendo l’accortezza di scaricare prima un fix per correggere un blocco dell’installazione in aggiornamento. Per chi ha Windows Xp, per passare a Windows 7 bisogna necessariamente formattare il pc con la conseguente perdita di dati; per ovviare a questo è necessario creare un dvd con tutti i documenti personali per poterli riavere nel sistema nuovo. Se non si è certi di poter passare al nuovo S.O. perché si ha un pc datato, al momento dell’installazione si può fare una verifica di compatibilità con l’hardware del pc. Non ci saranno problemi di installazione dei driver delle periferiche, schede video, audio, rete, webcam, gamepad, stampanti multifunzione, monitor e altro. In circa mezz’ora si è pronti ad usare Windows 7. Ci si accorgerà che è molto più veloce all’avvio e ha un’interfaccia grafica che non ha niente a che vedere con i suoi predecessori (lo stile rimane quello: una barra in basso), si vedrà che la barra degli strumenti trasparente e più grande questo perché è il primo S.O. a poter essere usato anche con un monitor touch screen (utilizzabile con le dita). Si sono aggiunte molte funzionalità, tutte tese a migliorare la prestazione della macchina in possesso senza perdere in qualità: tanto è vero che i requisiti minimi sono un processore a 1 Ghz e 1 Gb di memoria Ram.
Windows 7 è utilizzabile con quasi tutti i programmi (anche in modalità di compatibilità non danno problemi), mentre altri bisogna necessariamente aggiornarli all’ultima versione compatibile: pochi sono i programmi incompatibili (Partition Magic è uno di questi). Per i giocatori nessun problema, anzi: la qualità di gioco è migliorata molto per l’utilizzo delle Direct-x 11. Chiaramente bisogna avere una scheda video compatibile con le stesse (anche se io personalmente ne ho una datata ma il gioco è ottimo). Questo perché Windows 7 è ottimizzato: carica in memoria solo quello che è necessario in quel dato momento. Se avessimo voglia di vederci un film con Windows Media Center, il S.O. caricherà in quel momento i codec per la visualizzazione, la barra del volume e la grafica e altre cose, solo per quel momento e alla fine del film chiudendo il programma si chiuderanno tutte le risorse utilizzate, dando modo a noi di utilizzare altri programmi senza perdere in prestazione e qualità.
Questa è stata una piccola presentazione di Windows 7. A mio giudizio è il miglior sistema operativo creato fino ad oggi, certo un po’ caro, ma ne vale la pena. Per chi vuole solo provarlo come ho fatto io, si può fare gratuitamente per ben 90 giorni, poi chiaramente bisogna acquistare una licenza o ritornare al proprio S.O. con la licenza originale in possesso.

Moscalieno

Annunci